Da Riccione, alla scoperta dell'entroterra e delle rocche malatestiane

Uno pensa a Riccione e immagina il sole, le spiagge, il mare e i famosi locali della Riviera Romagnola. Ma una vacanza a Riccione offre anche piacevoli, anzi, piacevolissime gite fuori porta nell'incantevole entroterra, dove si succedono campi coltivati e si dipana un patrimonio di grande interesse storico e artistico, fatto di fortezze, palazzi, chiese.
Se, alloggiando in una sistemazione a Riccione, deciderete di esplorare l'entroterra, vi accorgerete che il filo conduttore dell'entroterra della provincia di Rimini è costituito dalle rocche malatestiane. Nel XII secolo, la famiglia dei Malatesta iniziò un percorso di espansione che la portò a dominare la Romagna per circa due secoli e mezzo, dalla fine del Duecento alla prima metà del Cinquecento, e a conquistare alcune zone dell'Emilia, delle Marche, della Toscana e del Veneto. L'ascesa dei Malatesta ha lasciato in dote molte fortezze, che non potrete, ovviamente, prenotare su un portale di hotel e case vacanze come questo (sono disponibili comunque opzioni vicine), ma che potrete visitare nelle fasce orarie previste.

Si può cominciare da quella di Verucchio, abitata dai Malatesta già dal XII secolo. Verucchio, che dista 29 km da Riccione, sorge tra collina e mare e sovrasta la vallata del Marecchia. Attrattiva principale del paese è, appunto, la Rocca Malatestiana (anche nota come Rocca del Sasso), che risale al 1100 e fu soggetta a diversi rimaneggiamenti: la fortezza è una delle meglio conservate tra quelle appartenute ai Malatesta, che la possedettero per circa tre secoli, e presenta alcuni punti di grande fascino, come la Sala Grande e le segrete. Su un'altra rocca appartenuta ai Malatesta, quella del Passarello, venne edificato nel XVII secolo il Monastero delle Monache di Santa Chiara. Merita, poi, una tappa la Pieve Romanica di Sant'Antonio, che gli storici fanno risalire addirittura alla fine del X secolo e che s'incontra sulla strada diretta a Villa Verucchio.

Un'altra fortezza malatestiana da non perdere è la rocca di Santarcangelo di Romagna, che domina il nucleo storico e la sottostante pianura: sebbene fosse preesistente all'avvento della famiglia dei Malatesta, la rocca fu da essi ristrutturata e ampliata. Oltre a una visita alla rocca, godetevi una passeggiata nel centro antico, che si sviluppò ulteriormente tra i secoli XVII e XIX, quando vennero edificati alcuni pregevoli palazzi nobiliari. Santarcangelo di Romagna, che è lontano circa 24 km da Riccione, fa oggi parte della rete delle Città Slow, "la rete internazionale delle città del buon vivere", impegnate nel garantire una migliore qualità della vita ai loro cittadini e ai loro visitatori.

  • lu
  • ma
  • me
  • gi
  • ve
  • sa
  • do
  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • Eventi
  • Nessun Evento




Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per ulteriori informazioni

Accetto i Cookies Informativa Cookie